Venerdì 23/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Comprensorio narnese ancora a corto di acqua, l'emergenza sta interessando Calvi, San Vito, Guadamello e altre zone a sud del capoluogo
E’ emergenza acqua in tutto il territorio. In modo particolare sono i paesi e le frazioni a sud di Narni a soffrire maggiormente la sete. A Calvi dell’Umbria il problema degli approvvigionamenti idrici va avanti da più di un mese ma la situazione è grave anche dalle parti di Vigne, Gualdo, San Vito e Guadamelo. In queste ultime due frazioni sono una ventina di giorni che l’acqua esce a singhiozzo dai rubinetti provocando forti disagi tra la popolazione. “La gente è al limite della sopportazione – spiega Alfredo Di Paolo, coordinatore comunale di Forza Italia -; l’acqua arriva con il contagocce, i pozzi non bastano a soddisfare la richiesta e il servizio di autobotti istituito dal Comune è solo un surrogato che risolve per breve tempo la situazione”. “Il fatto è – continua Di Paolo – che in estate in questi paesi la popolazione residente si raddoppia e spesso si triplica per la semplice ragione che ci sono molte famiglie che posseggono in zona la seconda casa, ma ci sono anche strutture alberghiere e agriturismo che quando vanno a regime assorbono un grande quantità di acqua. L’ideale sarebbe aumentare la portata dell’erogazione, ma sono anni che è stato chiesto al Comune di attivarsi in questo senso e di intervenire presso il Sii e la situazione è sempre la stessa, così quando arriva l’estate si ripresentano puntuali questi gravi problemi”. Continua a mancare acqua anche a Calvi dell’Umbria dove i serbatoi si stanno esaurendo. Per colpa di un’infiltrazione di una falda nel pozzo che eroga otto litri al secondo all’acquedotto di rifornimento del paese era stato deciso nei giorni scorsi di sospendere in alcune ore della giornata l’erogazione stessa. Il sindaco di Calvi Silvano Lorenzoni aveva chiesto ai cittadini di avere pazienza, “perché stiamo trovando una soluzione che ponga fine ai disagi”, ma anche la pazienza sembra essere arrivata agli sgoccioli. Come l’acqua che esce dai rubinetti.
2/8/2006 ore 11:41
Torna su