Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Calvi dell'Umbria: un fulmine ha distrutto il tetto della chiesa della Trinità, il sindaco ha chiesto l'intervento della Soprintendenza
Ha fatto grossi danni il fulmine che due sere fa si è abbattuto sulla chiesa della Trinità a Calvi dell’Umbria. La chiesa, che solo di recente era stata restaurata da cima a fondo, si trova in pieno centro nella omonima via caratterizzata da una suggestiva scalinata che da via Roma conduce verso la vecchia sede municipale. Il forte temporale che due sere fa si è abbattuto su tutta la zona ha provocato una fitta scarica di tuoni e la caduta di numerosi fulmini in tutta la zona. Sfortuna ha voluto che una di queste saette abbia centrato in pieno il tetto e la cupola della chiesa che per le sue caratteristiche (è stata edificata nella prima metà del ‘400), è di notevole interesse storico e artistico anche perché è a pianta ottagonale. Il fulmine ha distrutto parte del tetto ma per fortuna non ha creato grossi danni all’interno. Gli effetti funesti della forte scarica elettrica ci sono stati anche intorno alla chiesa, all’interno di alcune abitazioni dove sono andati distrutti televisori, altri elettrodomestici e telefoni cordless. In una casa di via del Municipio ad un cittadino la scarica ha letteralmente bruciato un computer. Immediata la chiamata ai vigile del fuoco di Terni che però essendo impegnati in numerose altre operazioni di soccorso si sono messi in comunicazione con il Comune di Calvi per capire l’entità dei danni. “Siamo intervenuti noi, con le nostre squadre di operai e con i vigili urbani – ha spiegato Silvano Lorenzoni, sindaco di Calvi dell’Umbria – per mettere in sicurezza tutta l’area intorno alla chiesa colpita dal fulmine. Poi stamattina (ieri n.d.r.) abbiamo fatto ulteriori sopralluoghi per sincerarci che non ci fossero pericoli di crolli. Ho già avvertito la Soprintendenza affinché vengano quanto prima a verificare i danni in modo che si possa subito dare inizio ai lavori di restauro”.
27/7/2006 ore 11:51
Torna su