Lunedì 19/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:46
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
A causa del maltempo si sono aperte due frane a Capitone ed a San Liberato, i tecnici comunali hanno chiuso al traffico una strada
Il maltempo delle ultime ore ha provocato alcuni movimenti franosi nel territorio comunale narnese. Non è una novità che nei dintorni del capoluogo ci siano alcune zone particolarmente esposte a questo genere di fenomeni, e dunque non ha sorpreso più di tanto i responsabili dell’ufficio tecnico comunale la notizia che sia dalle parti di San Liberato che nei pressi di Capitone, si fossero creati degli smottamenti. L’ufficio tecnico del comune ha così inviato in entrambi i luoghi una squadra di operai che ha provveduto a transennare le strade interessate dalla frana. A determinare lo smottamento del terreno a Campovallone, una .località posta a cavallo tra la frazione di Capitone e Fabbrucciano, è stata evidentemente la pioggia caduta copiosamente nelle ultime ore. La strada che mette in comunicazione il piccolo borgo situato a poca distanza da Narni Scalo con la provinciale Capitonese è stata per precauzione chiusa al traffico e quindi per i numerosi abitanti della zona ci saranno forti disagi nei prossimi giorni. Non è la prima volta, tuttavia, che in quella collina si verificano delle frane, ne sanno qualcosa gli abitanti della zona di Morellino che un anno fa circa furono costretti a rimanere isolati a causa delle profonde voragini che si aprirono lungo l’unica strada di collegamento. Più curiosa invece la frana di San Liberato, in una zona che in passato non si era mai segnalata in modo eclatante per fenomeni del genere. Qui l’intervento dei tecnici comunali ha permesso di riparare in parte i danni tanto che la strada interessata dallo smottamento è stata chiusa al solo transito dei mezzi pesanti. Il comune ha garantito che nel giro di una ventina di giorni tutto tornerà alla normalità.
20/1/2005 ore 10:55
Torna su